Le Pummadò! [Italian, well, almost]

E così, di ritorno dalle ferie, con l’urgenza di sbollire il sequestro del melone dell’orto ai controlli aeroportuali, pure io sono caduto nella tentazione di scrivere del rito post-mezzadro agostano, le pummadò!

Lo riporto qui, forr dhe recordd, dopo averlo proposto ai debossciati del gruppo Facebook .


Le Pummadò!

Oh, bbardasci!

Visto che semo ad agosto, ero curiusu de sapé se nelle vostre case postmezzadre se cunsuma ‘ngora lu ritu postmezzadru dell’estate: le pummadò! Quella jornata campale, nella quale la famigllia de le parti nostre metta (o mittia?) da parte vuttiglie e vasi in quandità ‘ndustriali.

A casa mia, durante li tempi d’oro de quanno ero fricu, la liturggia era pradicamente questa:

Ore 5 (co’ lo fresco), lu patrò e la vergara sta già yo l’ortu a rempì nna caterva de cassette de le pummadò più rosce e grosse.

Ore 8, ad è già rriati tutti li parenti e lu vicinatu, compresi Ziu Ezio, la famigllia de Lu Gattu e li nonni che se lagna de la sciatica. Li frutti rusci, che na tradiziò secolare de sfruttamentu, poraccitudine e tribbulà ha soprannominato "le vistecche de li contadì", sta già a galleggià e rlavasse dentro le mastelle d’acqua. Prima de tiralli fori e scolalli, le vergare ha già spettecolato su li cazzi de tutta la zona e tuttu lu parentatu fino alla terza generaziò. Gni vòta sarta fòri che cuginu o ziu de quindicisemu gradu che non ce sapii.

Ore 8.30, lu patrò de casa ha già montato lu miticu Mulinex, pruntu a spreme quintalate de passata.

Pe’ le 9, quanno cala pure li frichi e li più bbardasci (o comme cazzu se scria ogghi, bbardasc*), ha sta già tutti a zippettà: li pezzi de passata ficcati dendro le vuttiglie de la Coca Cola der 57 usenne le canne, li pezzi de sammarzani ficcati co le dete dendro li vasi de la Zuegg.

Ore 12.30 (detta ‘mezzora’ ), ah se magna, la vergara de casa, o la bbardascia figlia sua, ha fatto justo du’ cose: na cofana de pasta che ce magna in venti pe’ tre ggnorni, e nu puju che ad è la proa spaccata che li puji ad è li discennenti de li dinosauri.

Ore 14, mentre che finisce lo zippettà e se cunzuma lu sacrificiu rituale de li diti sotto la ‘nfernale macchinetta pe tappà le vuttiglie, lu patrò de casa, judatu da Ziu Peppu tramite scambiu de porchi su e porchi yo, ah prepara la callara: un pentolò gigantescu e niru, ppogghiatu su un treppiedi de lo gas che più grossu lu troi solo a la festa de la padella a lu Portu, che va ‘ttaccatu a la vombola de lo gas che dà tanda sicurezza. Dentro, se rcopre d’acqua e sacchi de juta una quantità de vasi e vuttiglie che non ce se crede che su la terra ce ne putia stá cuscì tandi.

Ore 18, la callara voglie ‘ngora, li frichi sta a la larga, oppordunamende dducati con mondessoriane storie tipo la frichetta che na vòta è cascata dendro l’acqua vujita e ce d’è morta. Nota de lu scrivanu: no sso sicuru se d’è vera o è na cazzata pe tené bboni li frichi, come quella de non fasse lu vagnu dopo magnato, saccio solo che na vòta mamma, pe completà la leziò mondessoriana, m’ha fatto vedé la foto de la frichetta, su lu cimiteru.

Ore 20, la jornata de le pummadò ad è finita, lu postmezzadru ha tribbulato durante le ferie, ma ad è cuntendu, perché sa che ad è statu furmica e st’inverno c’avrà quello che glie serve pe fa li vingisgrassi. E sotto sotto ad’è contendu pure che quanno serva, se stroa tutti, se smadonna, ma se sta ssemo e ce se juta. A postu, ce se rveda tutti a la prossima, gioè a ottovre pe rcoglie le varbabietole, o dopo li morti sotto le piante de la glia.

Pi Esse: scine, ce lo saccio che Casa Surace c’ha fatto lu video, ma qua ad’è n’atra parte de la Terronia, qua ad è la Marca Pontificia, dove le cóse se fa co la gnorranza.

Pi PPi Esse: pozza pijà un gorbu lu correttore ortograficu! Ma pussibbile che deve roppe li cojoni a famme scrive pe’ forza in itagliano?! Ma un vocabbolariu della lengua de la gnorranza non se stroa da scargà?!

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Written by

I'm the owner of this personal site. I'm a geek, I'm specialised in hacking software to deal with heaps of data, especially life science data. I'm interested in data standards, open culture (open source, open data, anything about openness and knowledge sharing), IT and society, and more. Further info here.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *